In evidenza

Arrivo anch’io..

Perchè qui?

..nella Blogosfera: meglio tardi che mai!

Mi rendo finalmente conto della praticità di avere un unico “repository” ovvero contenitore per tutti i testi e/o immagini che vadano oltre il commento in un post di un social network: tutto ciò a cui potrei voler ritornare o che vorri condividere fomanio fra 10 anni. Uno zibaldone di scritti, immagini, citazioni  bric-à-brac a cui dare un minimo di organicità da ipertesto.

Per cominciare, qualche bella immagine da un fumetto che esprime molto bene irrequietezza, voglia di libertà, l’importanza degli affetti, l’apertura al cosmo; e al tempi stesso esprime un pezzo dell’anima di un paese a me caro.

Entrambi, Argentina ed Eternauta, li ho frequentati fin dall’infanzia:

 

Risultati immagini per eternauta fumetto

Risultati immagini per eternauta fumetto

Risultati immagini per eternauta fumetto

 

Escursione alla Tchavana

Presa la navetta fino a Magnéaz, siamo saliti a Mandriou. La chiesetta dedicata a Maria, ma con affreschi che ricordano anche l’immancabile san Grato, è stata di recente riaperta e ora espone un bel presepe, che come sfondo esibisce una gigantografia della conca di Ayas negli anni ’50..

La Tchavana è una tipica meta estiva: d’inverno purtroppo non si può godere dell’ospitalità della famiglia Bagnod (tanto il ristorante quanto il negozio sono chiusi), ma gli ampi spazi dell’alpe ristoreranno lo sguardo che potrà percorrere l’intera chiostra dei monti (qui si sente che sto ascoltando mia figlia ripetere Epica, vero?).

Percorrere il Ru Courtod, in parte attraversato da un rivolo d’acqua anche in inverno, dà l’impressione di muoversi lungo una galleria incantata.