En cas de malheur, di Georges Simenon

En cas de malheur

En cas de malheurEn cas de malheur by Georges Simenon
My rating: 4 of 5 stars

“Roman dur” del 1956, dalla struttura insolita: è il diario che Lucien Gobillaud, rampante avvocato di mezza età, ha deciso di tenere da quando una relazione che credeva nata per gioco, come tante, ha preso il sopravvento su tutta l’attenta organizzazione della sua vita. Isolandosi nel suo studio sull’Ile-Saint-Louis, da cui osservare con un palpito di invidia la vita libera di una coppia di barboni installati sotto il Pont-Marie, tiene un diario nel tentativo di spiegare agli altri, ma soprattutto a se stesso, che cosa gli sia successo.
Perché si tratta davvero di un “amour fou”: il grande penalista si è trovato in sala d’aspetto una ragazzetta disordinata, non troppo sana, probabilmente nemmeno pulita (esteriormente: dell’interiorità, meglio non parlare), che, pur di ricevere aiuto per sfuggire alle conseguenze di una rapina andata a male, gli offre seduta stante tutto quello che ha, cioè se stessa. E l’avvocato, cui non mancano una bella moglie e qualunque svago a pagamento, accetta di offrire il patrocinio, rinviando però l’incasso dell’onorario: uomo dalla ferrea professionalità, accetta la sfida di salvare dal carcere la ragazzetta evidentemente colpevole, con qualsiasi mezzo (non si disdegnano falsi testimoni, o la calunnia sistematica della vittima): forse, come per il Marchese del Grillo con il mobiliere ebreo, la sua è una sfida, uno sputo in faccia a una società di cui è parte eminente ma che in fondo disprezza?
Ottenuta l’insperata assoluzione, nuovo alloro alla sua fama, inizia una vera relazione con Yvette: non una relazione basata sullo schifo esistenziale come in “Non ti muovere” della Mazzantini, ma piuttosto la relazione tormentata di un uomo maturo verso un’imprevedibile sciacquetta, come Humbert Humbert e Lolita; nonostante che in tutta la prima parte del libro si accumulino dettagli squallidi su di lei, la sua promiscuità, l’incapacità a qualunque relazione stabile, il mendacio patologico, l’eterno vivere di espedienti. L’avvocato può solo far leva sul denaro e il sogno di una vita stabile per fare un po’ più sua la ragazza e allontanarla dai suoi vari amanti, fino a installarla in un elegante appartamento nel quai d’Orléans, sulla stessa Ile-Saint-Louis, sperando così soprattutto di allontanarla da Mazetti, il fidanzato che la adora, povero e un po’ ottuso ma volonteroso studente-lavoratore; addirittura assume per lei una cameriera, Jeanine, perché non si annoi. Il tutto sotto lo sguardo attento e scrutatore, non solo di Bordenave (la fedele segretaria, così poco considerata come donna e come essere umano da essere chiamata solo per cognome), ma soprattutto di Viviane, la splendida moglie-trofeo strappata al suo primo importante datore di lavoro (o fu lei, attenta scalatrice sociale anche se nata già borghese, a strapparsi dal primo marito, fiutando nel suo assistente il nuovo maschio dominante?): Viviane non batte ciglio, non cede alla debolezza di mostrarsi gelosa, ritenendo Yvette una delle tante, futili avventure del marito.
Ma, una volta installatasi nel quai d’Orléans, la figura così squallida di Yvette sembra trasformarsi: nonostante, o proprio perchè, qui perda ogni residuo di inibizione, e inauguri rapporti saffici con Jeanine, nuova a queste esperienze, per poi convincere l’avvocato a rapporti a tre; oppure “accontentandosi” di guardare loro due e incitarli; magari raccontando in tono scherzoso esperienze perverse tali da imbarazzare anche il vecchio puttaniere. Eppure, nel mondo senza luce di Simenon, dove il concetto di “amore” non ha mai avuto senso, dove la Chiesa è solo un’abitudine dei piccoloborghesi indomenicati, questa tenerezza carnale (oggi diremmo pansessualismo) somiglia all’anelito a una specie di amore universale, o a un suo sostituto: Yvette ricorda quando, undicenne, cominciava a toccarsi e a farsi toccare dai ragazzi, e pensava che il Paradiso Terrestre fosse un posto dove tutti potessero stare nudi e toccarsi come desideravano. L’avvocato Lucien è stregato. E lo è del tutto, quando scopre che Yvette aspetta un figlio, a quanto pare proprio da lui. Vent’anni, cinque aborti, Yvette accoglie incredula la notizia che il suo uomo-padrone le lascerà tenere il bambino.. felicitata da Jeanine, che ha dovuto lasciare a balia in campagna l’unico figlio, per vederlo morire poco dopo di malattia intestinale (Viviane, dal canto suo, ha sempre disprezzato le donne che si abbassano a “fare le coniglie”, cioè ad avere figli). Per Lucien si aprono orizzonti impensati: passa una domenica pomeriggio a passeggiare con Yvette lungo Rue de Rivoli, guardando le vetrine natalizie come le altre famigliole; prova un sentimento che non osa definire; soprattutto, decide di passare le vacanze di Natale a Sankt Moritz con Yvette, anziché a Cannes con Viviane. C’è solo il problema di affrontarla e dirglielo..
SPOILER
ma prima che Lucien ne trovi la forza, Yvette si lascia rovinare dalla sua stessa incontenibile generosità. A Lucien non resta che tornare nei ranghi, uomo definitivamente sconfitto interiormente, ormai disgustato anche da se stesso; le ultime righe del diario sono scritte da Cannes: mentre un collega di origini italiane può almeno difendere il giovane assassino per amore, “io continuerò a difendere canaglie”.

View all my reviews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: